Coppa Italia CSEN '18 - Asd Yamashita Club

Vai ai contenuti

Menu principale:

Come coach in questa Coppa Italia CSEN per prima cosa voglio fare i complimenti a tutti gli atleti.
Al di là dei singoli risultati è stato veramente un piacere essere a bordo tatami con voi.
Avete tutti dimostrato una grandissima maturità agonistica e mi avete permesso di concentrarmi sulle vostre singole prestazioni. Come avete potuto vedere essere contemporaneamente su sette tatami non è stato semplice, ma grazie anche all’aiuto di Matteo sono riuscito a non perdermi nessuno di voi.  

Veniamo ora al discorso prestazioni.
Le medaglie sono state poche, è vero, e i piazzamenti a ridosso del podio di alcuni di voi lasciano ancora di più l’amaro in bocca, ma il miglioramento globale c’è stato. Non dimentichiamoci che questa era una competizione nazionale e che il livello, nonostante alcuni appuntamenti federali concomitanti, era davvero alto soprattutto nella seconda giornata di gare.
Detto questo la gara è stata importante anche per capire dove siamo e dove possiamo arrivare e soprattutto su cosa lavorare. Un discorso a parte meritano i ragazzi del kumite Gabriele e Alessio. Non è facile arrivare a freddo e montare su un tatami per combattere, in questo forse Alessio ha pagato un po’ di più la tensione e ha dato il meglio di sé nella seconda parte del kumite facendo comunque vedere ottime cose, un po’ tardi per vincere, ma comunque abbastanza per recuperare due bandiere su cinque: la strada è giusta.
Gabriele ha avuto più gioco sul primo combattimento e ha pagato anche lui un po’ inesperienza sul secondo, subendo un po’ troppo all’inizio, ma recuperando bene, purtroppo aver subito per primo i punti non gli ha permesso di andare avanti. Bravi tutti e due sinceramente.
Due parole su Matteo il più grande del gruppo che ha gareggiato da solo e di sabato. Raramente ho riscontrato in un ragazzo della sua età la stessa marurità e consapevolezza agonistica, un piazzamento a metà classifica su 30 atleti di cui molti nel giro della nazionale di categoria, non è da poco. Adesso sappiamo anche come e dove lavorare.
Discorso a parte anche per Alessandro che sotto mio personale consiglio ha portato in gara l’unico kata che gli avrebbe permesso di ottenere un risultato, non è andata come speravamo, me ne assumo la responsabilità, ma sono sicuro che era la scelta giusta.
La medaglia è arrivata dai pugni e dai calci di Giulia che al palloncino ha dimostrato cosa le riesce meglio e probabilmente su che strada vorrà continuare.  
Un bravo speciale anche a Mattia e Vasco che hanno fatto vedere grandissimi miglioramenti e a Marco che ha mantenuto la giusta concentrazione e un buon livello su tutte le prove anche se, lui stesso, ha confessato di non essersi piaciuto troppo: anche questo vuol dire crescere.
E infine l’ultimo (ma non perché ultimo) applauso virtuale al nostro cucciolo Hahn. Il più piccolo della comitiva che alla Coppa Italia era alla sua seconda gara della vita... che dire questo è un risultato!

Ancora grazie a tutti Atleti e genitori grazie ai quali abbiamo passato sue bellissime giornate di sport e divertimento.
Alla prossima!

Trovate qui tutte le foto.

Francesco Stazi


A.S.D. Yamashita Club


Indietro


 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu